Test Benessere Mentale

Benessere Psicologico: Test WHO-5 Logo OMS

L'indice di benessere dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO-5) è tra i test più utilizzati per valutare il benessere psicologico soggettivo. Il test del benessere mentale è stato introdotto per la prima volta nella sua forma attuale nel 1998 dall'Ufficio regionale dell'OMS in Europa come parte del progetto DEPCARE sulle misure relative al benessere psicologico nell'assistenza sanitaria di base. Il WHO-5 è stato tradotto in più di 30 lingue ed è stato utilizzato nella ricerca in moltissimi studi in tutto il mondo. In particolare nella maggior parte degli studi clinici controllati il test si è rivelato come uno strumento affidabile per valutare in particolare la qualità del benessere psicologico relativo al livello di umore in adolescenti, anziani e anche come primo screening in adulti con specifiche patologie mediche. Inoltre gli stessi studi hanno dimostrato che il WHO-5 ha un'elevata validità clinica, e può essere utilizzato come misura degli esiti desiderati e indesiderati dei trattamenti psicoterapeutici e farmacologici.

Cosa Misura il Test del Benessere Mentale

Le persone con un disturbo dell'umore spesso non vengono trattate in modo ottimale oppure non vengono trattate per niente. Molte persone depresse non cercano aiuto e, nella maggior parte dei casi, quando lo fanno, solo pochi medici generici più preparati sono in grado di diagnosticare e misurare il disturbo dell'umore pur essendo autorizzati alla prescrizione dei farmaci antidepressivi. Il semplice test del benessere mentale qui proposto, nonostante la sua brevità, riesce a discriminare la depressione con un grado di sensibilità molto elevato (circa l'80%) anche se per una diagnosi accurata i risultati del test necessitano di un colloquio di approfondimento con un professionista della salute mentale (psicologo, psicoterapeuta o psichiatra). Il WHO-5 (Well-Being Index) ha dimostrato anche una buona affidabilità e validità rispetto ad altri test dello stesso tipo come il test per la depressione PHQ-9. Inoltre, i diversi studi effettuati sullo strumento hanno indicato che il il punteggio ≤ 13 (grezzo) e ≤ 52 (ponderato) è la soglia ottimale con sensibilità e specificità accettabili (per una maggiore facilità d'interpretazione il punteggio iniziale viene moltiplicato per 4 dando luogo ad ina scala che va da 0 a 100). La letteratura scientifica ha evidenziato anche il il potenziale del test WHO-5 come strumento interculturale per lo screening della depressione.

TEST PSICOLOGICI DISTURBI PSICHICI

Interpretazione dei punteggi del test

Il test è composto da cinque affermazioni, da valutare in relazione alle ultime due settimane:

Tutto il tempo (sempre) = 5;

La maggior parte delle volte = 4;

Più della metà delle volte = 3 ;

Meno della metà delle volte = 2;

A volte = 1;

In nessun momento (mai) = 0.

Il punteggio grezzo totale, compreso tra 0 e 25, viene poi moltiplicato per 4 per ottenere il punteggio finale, dove 0 rappresenta il peggior benessere immaginabile e 100 rappresenta il miglior benessere immaginabile.

*Dichiarazione di responsabilità: Il risultato del test del test del benessere mentale è solo a scopo informativo e non può sostituire una valutazione completa da parte di un professionista psicologo, psicoterapeuta o psichiatra; la valutazione dovrebbe essere utilizzata solo come guida indicativa per comprendere il tuo livello di benessere. Il test non ha valore diagnostico.

Autore articolo: Prof. Massimo Continisio: Psicologo e Psicoterapeuta

Weiss, L. A., Westerhof, G. J., & Bohlmeijer, E. T. (2016). Can we increase psychological well-being? The effects of interventions on psychological well-being: A meta-analysis of randomized controlled trials. PLoS ONE, 11(6), 1–16.

Bibliografia: Topp, C. W., Østergaard, S. D., Søndergaard, S., & Bech, P. (2015). The WHO-5 Well-Being Index: A systematic review of the literature. Psychotherapy and Psychosomatics, 84(3), 167–176.

Perera, B. P. R., Jayasuriya, R., Caldera, A., & Wickremasinghe, A. R. (2020). Assessing mental well-being in a Sinhala speaking Sri Lankan population: Validation of the WHO-5 Well-Being Index. Health and Quality of Life Outcomes, 18(1), 305.

Garland, A. F., Deyessa, N., Desta, M., Alem, A., Zerihun, T., Hall, K. G., Fish, I. et al. (2018). Use of the WHO’s Perceived Well-Being Index (WHO-5) as an Efficient and Potentially Valid Screen for Depression in a Low Income Country. Families, Systems and Health, 36, 148-158.