Ansia di tratto e Ansia di Stato


Cosa sono l'Ansia di Tratto e l'Ansia Stato?

In una persona ansiosa si possono distinguere due tipi di ansia: l'ansia di tratto e l'ansia di stato. La distinzione tra ansia di stato e di tratto è diventata molto diffusa (Spielberger, 1983). L'ansia di stato è definita come un'eccitazione emotiva spiacevole di fronte a richieste o pericoli minacciosi. Una valutazione cognitiva della minaccia è un prerequisito per l'esperienza di questa emozione (Lazarus, 1991). L'ansia di tratto fa parte delle dimensioni della personalità e riflette l'esistenza di differenze individuali stabili nella tendenza a rispondere con l'ansia di stato nell'anticipazione di situazioni minacciose.

Secondo l'American Psychological Association (APA), la principale differenza tra ansia di tratto e ansia di stato ha proprio a che fare con le caratteristiche della personalità rispetto alla situazione: si è ansiosi perché questa è predisposta a essere ansiosa (tratto) oppure perché ci si trova in una situazione particolarmente ansiosa situazione-provocante (stato).

Immagine Ansia

Ansia di Tratto

L'ansia di tratto si caratterizza come elemento relativamente stabile della personalità. L'ansia di tratto si riferisce alla tendenza a prestare attenzione, sperimentare emozioni negative quali paure, preoccupazioni eccessive e ansia in molte situazioni. Questo fa parte della dimensione della personalità del nevroticismo. Chi possiede un tratto di ansia manifesta un atteggiamento comportamentale il quale rispecchia la modalità con cui egli tende a percepire come pericolosi o minacciosi determinati stimoli e situazioni ambientali. In pratica lo stile cognitivo di tipo ansioso della persona si estende anche agli altri ambiti della sua esperienza di vita, diventando a tutti gli effetti una dimensione di personalità. Le persone che hanno un tratto di ansia più sviluppato tendono a manifestare una maggiore reattività  a una grande varietà di situazioni e reagiscono con una elevata preoccupazione anche a situazioni che, per la maggior parte delle persone non rappresentano una fonte di minaccia . Questi soggetti hanno una probabilità maggiore di presentare ansia di stato in circostanze a basso potenziale ansiogeno, come per esempio le normali attività quotidiane, o di sperimentare livelli più elevati di ansia di stato in presenza di diversi stimoli ansiogeni. 

Ansia di Stato

L'ansia di stato si manifesta come una interruzione del continuum emozionale, cioè provoca una rottura nell'equilibrio emotivo della persona; si esprime per mezzo di una sensazione soggettiva di tensione, preoccupazione, inquietudine, nervosismo, reattività. Risulta associata ad una attivazione del sistema nervoso autonomo, il quale provoca una serie di attivazioni fisiologiche. Si attiva in specifiche situazioni al contrario dell'ansia di tratto che non è situazione-dipendente. Elevati livelli di ansia di stato risultano particolarmente spiacevoli, disturbanti e addirittura dolorosi, al punto di indurre la persona a mettere in atto dei meccanismi comportamentali di evitamento finalizzati a porre fine a queste sensazioni. Tuttavia lo psicologo individua queste azioni come comportamenti che non permettono di raggiungere alcun obiettivo, lasciando spazio ad altri comportamenti, di tipo disfunzionale, che portano all'effetto opposto, ovvero all'aumento ulteriore dell'ansia, avviando una circolo vizioso di tipo patologico.

La Scala STAI per la Misura dell'Ansia di Stato e dell'Ansia di Tratto

La scala STAI è stata sviluppata da Spielberger et al. (1970) per misurare l'ansia dal punto di vista degli stati rispetto ai tratti. La misurazione dello stato valuta come la persona si sente "in questo momento". Ai soggetti viene chiesto di valutare l'intensità dei loro sentimenti ansiosi su una scala a quattro punti rispetto alla loro esperienza nei termini di: per niente, abbastanza, moderatamente o molto. La misura dell'ansia di tratto si rivolge a valutare come gli individui si sentono generalmente su una scala a quattro punti: quasi mai, a volte, spesso o quasi sempre. Da quando è stato sviluppata, la STAI è stata tradotta in oltre 48 lingue diverse ed è stata ampiamente studiata in una varietà di contesti clinici e scolastici (Spielberger, Ritterband, Sydeman, Reheiser e Unger, 1995). L'evidenza della validità di costrutto della STAI proviene da una varietà di fonti, ad esempio correlazioni con altre misure di ansia, contesti clinici e pazienti medici e chirurgici. Tuttavia, c'è stato un dibattito generale in letteratura sui vantaggi concettuali e pratici della distinzione tra tratto e stato. La STAI è diventata una misura molto utilizzata nella ricerca sulla personalità e sulla egli Stati Uniti e in altri paesi. Tuttavia, gli inventari dei tratti di stato non sono stati ampiamente utilizzati come strumenti di valutazione clinica.

Autore articolo: Prof. Massimo Continisio

Bibliografia

Spielberger, C.D., Gorsuch, R.L., Lushene, R.E. (1970). The State-Trait Anxiety Inventory: Test manual. Palo Alto, CA: Consulting Psychologist Press.

Spielberger, C. D., Gorsuch, R. L., Lushene, R. E. (1983). Manual for the state-trait anxiety inventory. Palo Alto, CA: Consulting Psychologists Press.

Spielberger, C.D., Ritterband, L.M., Sydeman, S.J., Reheiser, E.C., Unger, K.K. (1995). Assessment of emotional states and personality traits: Measuring psychological vital signs. In J.N. Butcher (Ed.), Clinical personality assessment: Practical approaches (pp. 42-58). New York: Oxford Press.

Lazarus, R. S. (I 991). Emotion and adaptation. London: Oxford University Press.